Tipologie di procedimento

Rilascio certificati anagrafici

Responsabile di procedimento: Lischi Maurizio
Responsabile di provvedimento: Lischi Maurizio

Uffici responsabili

Ufficio Servizi Demografici

Descrizione

I certificati anagrafici sono:

  • residenza,
  • stato di famiglia,
  • esistenza in vita,
  • stato libero (per celibi, nubili o divorziati),
  • cittadinanza italiana,
  • anagrafico di nascita, morte, unione civile, matrimonio,
  • convivenza di fatto
  • contestuale o cumulativo (unisce più certificazioni tra quelle sopra elencate).

L’Ufficio Anagrafe rilascia i certificati di cui sopra a chiunque ne faccia richiesta; rilascia certificati storici, vale a dire certificazioni attestanti situazioni anagrafiche pregresse, previa motivata richiesta. I certificati anagrafici hanno validità di tre mesi.

Le certificazioni anagrafiche scontano l’imposta di bollo fin dall'origine, salvo alcuni casi di esenzione previsti dalla tab. B all. D.P.R. n. 642/1972 o altre norme specifiche. L'imposta di bollo deve essere assolta al momento dell'emissione del certificato o documento mediante l’apposizione della marca da bollo che NON deve riportare una data successiva alla data di emissione del documento. Chi non corrisponde in tutto o in parte l'imposta di bollo dovuta, é soggetto, oltre al pagamento del tributo, ad una sanzione amministrativa dal 100% al 500% dell'imposta o della maggiore imposta (art.25 del D.P.R. n. 642/1972). Le sanzioni vengono applicate a chi rilascia l’atto, a chi lo riceve e a chi lo utilizza. Ai fini di una corretta applicazione dell’imposta di bollo, il richiedente dovrà indicare l’uso cui il certificato è destinato e, se prevista, la norma che prevede la eventuale esenzione.

 

N.B.: A partire dal 1° Gennaio 2012, ai sensi della Legge n. 183/2011 (Legge di Stabilità), le pubbliche amministrazioni (Comuni, INPS, Agenzia Entrate, scuole, ecc.) ed i privati gestori di pubblici servizi (acqua, gas, luce, ecc.) non possono più richiedere né accettare certificazioni relative a stati, qualità personali e fatti rilasciate da altre pubbliche amministrazioni. Tali enti, infatti, devono acquisire d’ufficio i dati e le informazioni di interesse. Pertanto tutti i certificati verranno rilasciati con la seguente indicazione: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi”.

I certificati anagrafici devono essere richiesti soltanto se da presentare ad enti o uffici privati.

 

Prenotazione appuntamenti: https://collesalvetti.iswebcloud.it/

 

Gli avvocati e studi legali che richiedono certificati esenti dall'imposta di bollo ad uso "notifica atti giudiziari" ai sensi della Risoluzione 18 aprile 2016 n. 24/E dell'Agenzia delle Entrate, possono inoltrare la richiesta via email all'ufficio anagrafe o alla pec dell'Ente, allegando sempre un documento di riconoscimento del richiedente e la ricevuta di avvenuto pagamento dei diritti di segreteria mediante bonifico.

 

Non è possibile dare informazioni e/o conferme telefoniche in quanto: "la natura pubblica degli atti anagrafici comporta solo la possibilità da parte del privato di ottenere dall'Ufficiale d'Anagrafe il rilascio della certificazione anagrafica (art. 33 D.P.R. 223/1989), ma non la consultazione degli atti anagrafici, né conferme telefoniche (art. 37) né il rilascio di elenchi".

Chi contattare

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
Immediati allo sportello; via Pec o mail 3-7 giorni

Costi per l'utenza

Diritti di segreteria: per i certificati in bollo € 0,52; in esenzione dal bollo € 0,26.

Certificati storici di residenza: per i certificati in bollo € 0,52 + € 5,16; in esenzione dal bollo € 0,26 + € 2,58.

Certificati di stato di famiglia storici: in bollo € 0,52 + € 5,16 per ogni nominativo transitato nel nucleo familiare; in esenzione dal bollo € 0,26 + € 2,58 per ogni nominativo transitato nel nucleo familiare.

Marca da bollo € 16,00.

In caso di richiesta inoltrata via posta allegare: diritti in moneta, marca da bollo, busta affrancata per il ritorno.

Riferimenti normativi

Legge n. 1228 del 24 dicembre 1954 - Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente;

D.P.R. n. 223 del 30 maggio 1989 - Regolamento anagrafico;

D.P.R. n. 642 del 26 ottobre 1972 - Disciplina dell'imposta di bollo.

LEGGE 12 novembre 2011, n. 183 -Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2012)

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: da definire
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza della Repubblica, 32 - 57014 Collesalvetti (LI)
PEC comune.collesalvetti@postacert.toscana.it
Centralino 0586980201
P. IVA 00112340492 C.F. 00285400495
Linee guida di design per i servizi web della PA